Vasco Rossi e Piero Pelù, clamoroso retroscena: quel battibecco nel backstage

Il rapporto tra Vasco Rossi e Piero Pelù non è sempre stato idilliaco. I due sono stati anche protagonisti di un alterco nel backstage qualche anno fa. Tutto partito anche da un commento discutibile rilasciato da parte di un ex manager dei Litfiba. Una questione che ha poi trovato un chiarimento, con i due che si sono sempre salutati quando si sono incrociati successivamente. L’aneddoto è stato svelato dallo stesso Piero Pelù, reduce dal grande successo del singolo Gigante, presentato a Sanremo.

Vasco Rossi e Piero Pelù, il retroscena

Piero Pelù, ai microfoni di Rolling Stone, ha svelato un retroscena sul rapporto con Vasco Rossi:

“Io con Vasco non posso che complimentarmi, sta dimostrando una tenuta pazzesca a livello dei Rolling Stones se non di più, se pensi al suo bacino d’utenza cioè l’Italia.”

E poi ha raccontato il retroscena: “Noi eravamo in fase di ascesa ed eravamo arrivati alla EMI, sua casa discografica di allora. In quel periodo non aveva fatto dischi memorabili, forse era in una fase di calo creativo, può capitare a tutti”, però pare che un ex manager della band commentò Vasco dicendo: “Vasco è vecchio, ora ci sono i Liftiba.

Pelù ha ovviamente spiegato che nessuno aveva appoggiato quelle parole e lo disse anche al rocker di Zocca quando lo incontrò. Era il 1995 e entrambi gli artisti si trovavano a Vota la Voce. Piero ha raccontato: “Quando Vasco si presentò per fare le prove subito dopo di noi io lo salutai e lui si mise a ringhiare un po’.

Il leader dei Litfiba imita il Blasco: “Eh, questo qui, cioè mi vuol far le scarpe, ti faccio vedere io, ce ne vuole per fare il culo a Vasco, eeeh”, ma poi il frontman dei Liftiba gli avrebbe risposto: “Vasco io non ho mai detto niente contro di te, tu fai cose che mi piacciono, altre meno, ma questo è normale.”

Ma sì, non siamo a scuola” si sarebbe concluso il discorso. E ora: “Ogni volta che ci siamo incontrati abbiamo parlato tranquillamente.

loading...
Letture 204

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *