Vasco Rossi a Libera: l’intera intervista rilasciata a ‘Belle Facce’ tra Coronavirus e legalità

Vasco Rossi è stato in diretta quest’oggi sul canale Instagram di Libera. Ad annunciarlo è stato ieri il Rocker di Zocca, che in questi giorni si trova a Rimini, dove si sta allenando e tenendo in forma in vista del prossimo anno, che sarà ricco di impegni. Proprio il Blasco ha sottolineato nelle scorse settimane come l’obiettivo sia quello di arrivare vivi, sani e lucidi all’estate del 2021, quando finalmente si potrà tornare sul palco.

L’intervista di Vasco Rossi

Questa l’intervista rilasciata da Vasco Rossi a Libera, al programma Belle Facce, in diretta su Instagram:

Il segreto di Vasco: “Non posso dirlo altrimenti lo copiano (ride n.d.r.). Sono le canzoni, modo straordinario per comunicare, coinvolgere, emozionare, provocare. Scrivere sempre canzoni oneste e sincere, cercando di descrivere con meno parole possibili”.

Le donne: “Sono state una grande ispirazione per me. Io sono cresciuto con donne (mamma, tata, zia). Io racconto le cose come le sento io e alla fine le sentite anche voi. Il segreto è quello, io racconto cose che sono già dentro voi, perché siamo tutti molto simili. Conta il viaggio, il desiderio che accende tutto, non la meta in sé”.

Allenamento: “Ogni mattina faccio i miei 7 km a piedi, ormai mi sono abituato e ne ho proprio bisogno di uscire e girare nella natura. Appena arrivo dentro un bosco cambia il cervello, cambia tutto. Mi sento tranquillo e sereno, forse perché la natura non ti giudica”.

Crisi e legalità

Vasco Rossi ha trattato anche i temi delicati relativi alla crisi che ha colpito il Paese e la legalità:

Sulla crisi: “Io ho avuto subito la sensazione di un apocalisse come nei film di fantascienza. Ho pensato subito fosse una cosa molto grave. Le sensazioni che ho provato durante il lockdown sono state strane, mi sentivo sospeso. All’inizio ho avuto fastidio nel non poter fare cose ma, dopo la prima settimana, ho cominciato ad apprezzare il momento di tranquillità che si aveva in casa, vivendo con i propri affetti. Ora si inizia a vedere la luce, visto che i medici sono più pronti ad affrontare la malattia. Finché non si trova il vaccino siamo tutti un po’ bloccati mentalmente”.

Più creativo: “Sto buttando giù idee, sono molto creativo in questo periodo. Sono venuto a Rimini perché dovevo fare le prove, poi è saltato tutto e questa è stata una cosa faticosa da accettare. Bisogna aspettare di poterci assemblare”.

Spericolato: “Ci si nasce spericolati, è un’indole che ti porta a rischiare. Rischiare sempre consapevolmente e per un buon motivo. Non è che ci si butta e basta, si fanno le cose con una certa coscienza”.

Su Luigi Ciotti: “Mi piaceva il suo approccio con la problematica relativa alla tossicodipendenza. Lui, con le sue comunità aperte, dava possibilità di entrare a chi ne aveva bisogno, ma non tratteneva nessuno. Anche perché per uscirne devi volerlo in primis tu. Quando l’ho incontrato è stato come incontrare un fratello. Una persona onesta, sincera”.

Legalità: “Io sono sempre stato uno che, quando non rispetta una regola, sono pronto a pagarne le conseguenze. Non sopporto quelli che non rispettano le regole e pensano di essere delle vittime. In questo Paese deve nascere una cultura della legalità. Le regole vanno seguite, altrimenti non si può convivere insieme. Si può sbagliare ma è importante capirlo per cambiare e migliorare”.

Cosa ti fa sentire libero: “In fondo mi sento sempre libero. Poi devo per forza avere delle situazioni controllate ma è il prezzo del successo e sono contentissimo di pagarlo”.

Anticipazione sullo speciale su Rai 1, la Tempesta Perfetta, dedicato a Modena Park: “E’ stato incredibile quel concerto, perché tutti si sono comportati in maniera perfetta. Tutti si sono divertiti, hanno dimostrato una maturità, una capacità di essere persone serie, che vogliono divertirsi senza distruggere nulla. Noi siamo gli sconvolti che quando c’è da fare le cose serie le facciamo in maniera seria”.

loading...
Letture 107

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *